INFLUENCER MARKETING, I TREND DEL 2020

  • DGT HUB Team
  • 2 Gennaio 2020

L’ influencer marketing è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni, sono molti i marchi che utilizzano questa leva per aumentare la propria brand awareness e le proprie vendite.

L’influencer Marketing è in crescita, ma quali sono le novità del 2020?

Ricorrrere all’Influencer Marketing per i brand che vogliono crescere su Instagram è una vera risorsa. I bugdet investiti in questa leva sono in costante crescita e i risultati, se le collaborazioni e le attività sono studiate, sono davvero positivi. L’ influencer Marketing è una attività accessibile anche alle PMI. I risultati sono ottimi sopratutto per i nuovi brand nascenti, che hanno bisogno di visibilità per farsi conoscere ed intercettare il loro target di clienti utilizzando i social media.

Vediamo nel dettaglio quali sono i trend principali previsti per il prossimo anno:

1. La Frequenza dei post

Secondo Fohr, una piattaforma di Influencer marketing, le abitudini degli influencer riguardanti la pubblicazione, stanno cambiando. Infatti, per il prossimo anno, Fohr prevede che gli influencer pubblicheranno sul loro profilo solo due volte a settimana, mentre oggi assistiamo ad una frequenza pressoché giornaliera. L’unica eccezione è prevista per gli Influcencer con 250.000-500.000 follower, che probabilmente aumenteranno la loro frequenza di pubblicazione.

2. Gli Hashtag utilizzati

Nonostante tutti i cambiamenti di Instagram avvenuti nell’ultimo anno, l’utilizzo mirato e pertinente degli Hashtag è rimasto uno dei fattori chiave per intercettare il proprio pubblico su Instagram. L’utilizzo degli Hashtag del brand da parte degli influencer puo’ tradursi in un aumento sostanziale per l’azienda di nuovi clienti in target con il proprio prodotto. Da un’analisi di Fohr, è emerso che l’utilizzo degli Hashtag da parte degli Influencer, negli ultimi 4 anni è quasi quadruplicato. Gli hashtag rimangono un fattore chiave per far crescere la propria pagina Instagram e di conseguenza i propri clienti.

3. Le Caption

Nonostante Instagram sia il social media visivo per antonomasia, negli ultimi tempi abbiamo assistito ad un maggior uso delle didascalie, sopratutto da parte degli Influencer. Entro il 2020 le didascalie avranno una lunghezza media di 405 caratteri, ovvero circa 70 parole.

4. I micro e nano influencer

Le collaborazioni con i micro-influencer, ovvero influencer che hanno tra i 10.000 e 50.000 follower, stanno aumentando sempre di piu’, è stato riscontrato che il tasso di coinvolgimento è superiore rispetto agli influencer affermati e con un maggior seguito. Il vantaggio dei micro-influencer è che il loro pubblico è di nicchia e spesso realemente interessato a specifici argomenti.  Il trend del 2020 si sta confermando pertanto nella direzione dei micro-influencer, il piu’ possibile in linea con i valori ed il pubblico di riferimento del marchio.

I CONSIGLI PER LE PMI

1. Prestate attenzione alla selezione degli Infuencer con cui collaborate

Ogni collaborazione va attentamente studiata ed analizzata in riferimento alla strategia di marketing del marchio. La scelta delle colloborazioni sarà chiave sia per l’immagine a cui associare il proprio brand sia per intercettare realemente i propri clienti target.

2. Fate attenzione alla frequenza delle collaborazioni

Attenzione alla frequenza con cui gli influencer scelti pubblicano post sponsorizzati nel feed. Il rischio di avere troppi contenuti sponsorizzati potrebbe portare alla saturazione dei contenuti. Inoltre, nessuno vuole vedere solo post di collaborazioni, altrimenti le partnership potrebbero sembrare meno autentiche per il pubblico di un influencer.

3. Create progetti anche a lungo termine

Attivate collaborazione anche a lungo termine, richiedete non solo post ma anche Instagram Stories e i video IGTV, in modo da stabilire una forte fidelizzazione azienda-influencer-follower.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *